Recent News

Read the latest news and stories.

food e-commerce food e-commerce

Food E-commerce: i numeri, best practices e come implementarlo

Si tratta della nuova frontiera dello shopping online, in costante crescita da anni ma che nell’ultimo periodo ha subito una vera e propria esplosione: parliamo del Food e-commerce. E il nome stesso non lascia molti dubbi, in realtà. Il Food e-commerce non è altro che la vendita online di prodotti di generi alimentari, ma anche articoli tipici, biologici e chi più ne ha, più ne metta.
Comodo, utile, veloce e soprattutto H24 accessibile, il Food e-commerce si appresta a cambiare una delle abitudini più radicate dell’utenza italiana: la spesa al supermercato.
Ma come funziona? Perché servitene se disponi di un piccolo negozio di generi alimentari? Vediamo.

LEGGI ANCHE: E-commerce: i vantaggi che ti spingeranno ad aprirne subito uno!

Food E-commerce: i numeri

Partiamo da un dato del lontano (ma neanche tanto) 2019: secondo alcune analisi statistiche, circa un terzo degli consueti eShopper ha acquistato online prodotti di generi alimentari, di cui il 72% con consegna a domicilio. In Italia, sono oltre 9 milioni le persone che preferiscono fare la spesa sul web, con un mercato che conta un valore di ben 1,9 miliardi di euro. Allargando la panoramica al mondo intero, la cifra diventa quasi astronomica. Nel mondo, infatti, il mercato del Food E-commerce vale oltre 58 miliardi di euro con un utenza di 1,5 miliardi di persone. Numeri incredibili che, in tempi di Coronavirus, hanno subito una crescita chiaramente prevedibile. Ebbene, partendo da questi numeri importanti, la domanda giunge quasi scontata: il Food E-commerce può essere utile anche per te che disponi di un piccolo negozio di generi alimentari? La risposta è sì e ti spieghiamo subito il motivo.

Perché è utile?

Sfatiamo il tabù che il Food E-commerce rappresenti una prerogativa delle grandi catene di generi alimentari. Questo tipo di commercio online può essere utile anche per le realtà più piccole. Questo perché permette una maggiore fidelizzazione con i clienti, consente di ottenere un ottimo guadagno e soprattutto una vetrina non indifferente. Senza dimenticare la possibilità di fare acquisti H24, una vera comodità per chi ha necessità di fare urgenti spese. Ciò vale soprattutto nelle città più piccole, dove ancora oggi resiste la chiusura notturna dei supermercati. Se poi disponi di uno shop che si occupa di vendita di prodotti tipici o biologici, beh, il Food E-commerce rappresenta una possibilità che non puoi proprio sottovalutare. D’altronde si tratta comunque di una vendita di beni che si cercano quasi solo in Rete (soprattutto quelli relativi ai prodotti tipici), molto di nicchia e spesso introvabili nelle grandi catene di distribuzione. Senza contare la possibilità di ampliare ancor di più la propria clientela, soprattutto per quel che concerne il biologico, oramai sempre più diffuso sulle tavole degli italiani.

LEGGI ANCHE: Il tuo e-commerce non vende? Ecco cosa stai sbagliando!

Best Practices per un Food E-commerce

Come deve essere, però, un ottimo Food E-commerce in grado di vendere e fidelizzare? Ecco i nostri suggerimenti:

  • L’occhio vuole sempre la sua parte: inserisci rigorosamente foto di qualità dei tuoi prodotti per colpire la tua utenza;
  • Usa descrizioni semplici, accurate ma non prolisse;
  • Il tuo Food E-commerce deve essere ordinato: ogni supermercato dispone di settori dove è possibile trovare più facilmente ciò che si cerca. Fai lo stesso sul tuo portale e non inserire i prodotti in categorie a casaccio. Potresti spaesare l’utente!;
  • Testimonianze e recensioni sono fondamentali: richiedile sempre ad ogni cliente fidelizzato!
  • Sfrutta i social media per vendere, farti conoscere, promuovere eventi ma anche nuovi sconti!

Ora che hai capito l’importanza di un Food E-commerce, cosa aspetti a crearne uno per la tua attività? E se lo fai con noi, sappi che ti aspetta una graditissima sorpresa! 🙂

You may also like