Recent News

Read the latest news and stories.

testi brevi o lunghi testi brevi o lunghi

Testi brevi o lunghi per un blog: quali sono da preferire?

Quando si gestisce un blog o un sito internet, la domanda delle domande è sempre la stessa: meglio testi brevi o lunghi per un articolo? La risposta è… dipende. Non esiste, infatti, una regola precisa che delinea la quantità di parole che è importante utilizzare nell’articolo di un blog. Tuttavia, ci sono delle massime di riferimento che possono aiutare gli aspiranti copy, per sfuggire dal rischio di scrivere contenuti troppo concisi oppure decisamente lunghi e noiosi.
Di seguito, ti elencheremo le più importanti, per capire quanto e se sono meglio i testi brevi o lunghi sul web.

LEGGI ANCHE: Aumentare le visite di un blog è possibile: 5 dritte super pratiche

Testi brevi o lunghi: parti dalla SEO

Tutti i SEO Specialist o specialisti del web marketing lo ripetono spesso: content is the king. Il che è decisamente vero! Per un buon posizionamento di un sito su Google, il testo è senza dubbio un elemento che può fare la differenza. E per due ragioni: la prima ha a che fare con le keyword. Più kw ci sono in un testo, maggiore sarà la possibilità di ottenere un buon posizionamento sul motore di ricerca. La seconda, invece, ha a che fare con Google. A BigG piacciono moltissimo i siti ricchi di contenuto, poiché li trova più fattibili e pertinenti alle ricerche gli utenti. Per questo, per chi desidera lavorare di SEO con il suo blog, si consiglia di scrivere sempre testi lunghi (dalle 300 alle 600 parole per gli articoli), per disporre di una buona possibilità di posizionamento.

Testi brevi o lunghi: hai poco da dire? Accontentati di un testo breve

Se è vero come è vero che a Google piacciono gli articoli lunghi, è altrettanto vero che BigG ama profondamente testi di altissimo livello. Questo perché l’obiettivo del colosso di Mountain View è quello di fornire ad ogni utente, i siti più pertinenti ed in linea con le sue esigenze e con ciò che sta cercando. Per tale ragione, una regola fondamentale è non tentare mai di allungare il brodo scrivendo testi di scarsa qualità, con lo scopo di accumulare sempre più parole. Se all’interno del tuo articolo hai esaurito tutto quel che hai da dire, meglio pubblicare un testo più corto e più immediato, piuttosto che lungo ma decisamente vuoto!

LEGGI ANCHE: Pubblicare un articolo su un blog: esistono davvero giorni e orari migliori oppure no?

Poniti questa domanda: cosa ne pensano i tuoi utenti?

All’interno di un blog, la SEO è importante ma arriva fino ad un certo punto. In questo frangente, conta molto anche ciò che pensano i tuoi utenti dei tuoi contenuti. Ebbene, poniti queste domande: a che tipo di utenza mi rivolgo? I miei lettori preferiscono contenuti ricchi di preamboli o testi dove si arriva subito al nocciolo della questione? Ovviamente, per avere un responso effettivo, dovrai fare dei test appositi. Ti basterà pubblicare i tuoi articoli diversificandole la lunghezza, e monitorare visite e prestazioni su Google Analytics. In questo modo, saprai subito cosa preferiscono i tuoi utenti tra testi lunghi oppure brevi. E dopo potrai agire di conseguenza!

You may also like

Comments

No Comments

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *